mancano

al 12 ottobre 2016

PEDRO PINHO02

Carbonia Film Festival è orgoglioso di annunciare la presenza del regista portoghese Pedro Pinho, vincitore di numerosi festival in tutto il mondo fra i quali il premio FIPRESCI al Festival di Cannes 2017 con “A fábrica de nada”. Per la stretta affinità del suo lavoro con le tematiche affrontate da Carbonia Film Festival e per la sua fondamentale importanza artistica, il festival omaggerà il regista con una retrospettiva dei suoi tre lungometraggi alla presenza dell'autore, con una serie di approfondimenti con il pubblico della IX edizione del festival che si svolgerà a Carbonia dal 10 al 14 ottobre 2018.
Autore di film premiati e presentati nei più prestigiosi festival mondiali, dal Toronto International Film Festival al FID Marseille, Pedro Pinho si è imposto come uno dei registi più attenti ai temi del lavoro e della migrazione con le sue opere segnate da un costante e meticoloso confronto con la realtà politica, e da altrettanta cura nella ricerca delle forme di espressione per raccontarla.
Non a caso il suo documentario “Bab Sebta”, sul confine tra Marocco e Ceuta attraversato dai migranti diretti in Europa è stato uno dei migliori 10 film del 2008 secondo Film Comment. “A fábrica de nada”, film che racconta le conseguenze della delocalizzazione della produzione nelle vite degli operai mescolando diversi generi - compreso il musical -, è il suo primo lungometraggio di finzione. Il film ha ottenuto nel 2017 importanti riconoscimenti (come il Premio Speciale della Giuria della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo al Torino Film Festival), grande successo di critica e risonanza tra il pubblico, consacrando Pinho come autore impegnato tra i più rilevanti del cinema europeo contemporaneo.

Nella consueta volontà del festival di offrire riconoscimento e incoraggiamento a cineasti e opere capaci di raccontare il contemporaneo con coraggio e una visione personale, Pedro Pinho rappresenta un modello prezioso. Per questo la IX edizione di Carbonia Film Festival intende omaggiare il suo lavoro durante la manifestazione, che anche quest'anno si impegna a portare nel Sulcis il meglio della produzione cinematografica internazionale (di finzione e documentaria) degli ultimi due anni sui temi del lavoro e della migrazione, grazie a due concorsi internazionali (Lungometraggi e Cortometraggi) e a sei premi in denaro.

Leggi di più...

 

Condividi

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn